Selleria dal 1903
Fondazione Cologni

Tag

Abbiamo incontrato il signor Aurelio Mutinelli, Presidente della Selleria Pariani, per farci raccontare la sua storia e quella della sua azienda, storica realtà milanese che diede vita alla prima sella moderna del mondo.

Quando ha inizio la storia della Selleria Pariani?
All'inizio del Novecento Adolfo Pariani aveva un negozio di abbigliamento e articoli inglesi a Milano, a due passi dal Duomo. Lavorando con degli ottimi artigiani, decise di iniziare a confezionare selle e accessori per conto proprio, per non doverli importare dall'Inghilterra.
In quegli anni Federico Caprilli, ufficiale di Cavalleria a Pinerolo, stava mettendo a punto un nuovo sistema per montare a cavallo differente da quello inglese che si usava all'epoca, che permetteva all'animale di effettuare il movimento più naturale possibile. Il signor Pariani si propose di collaborare per costruire un modello di sella che si adattasse al nuovo sistema e il tenente Caprilli accettò.
Fu così che nacque nel 1905 il modello Pinarolo, dalla cittadina piemontese sede della famosa Scuola di Cavalleria, ed ebbe inizio la storia della Selleria Pariani.

Pariani
Cosa ne ha determinato il grande successo?
Il prodotto fu subito molto apprezzato, tanto da aggiudicarsi una Medaglia d'oro per “lavori pregiati” all'Esposizione Internazionale di Milano del 1906, numerosi attestati da parte di Casa Savoia, una Medaglia d'argento alla IX Triennale e molti altri riconoscimenti.
Intanto il sistema ideato da Federico Caprilli, morto prematuramente nel 1907, si stava diffondendo e affermando in tutto il mondo. I suoi allievi adottarono infatti il Sistema Naturale di Equitazione, molto più comodo ed efficace, e iniziarono a vincere le più importanti competizioni in tutto il mondo, attirando l'attenzione dei cavalieri stranieri.
Le selle Pariani erano le uniche adatte a questo sistema e insieme a esso divennero famose e ricercatissime. Nel 1912 venivano già esportate in tutta Europa e nel 1915 iniziò l'espansione negli USA, grazie alla collaborazione con il capo della cavalleria americana E. Y. Argo. Per lui Pariani progettò un nuovo modello, chiamato appunto Argo, che ebbe un grande successo.

Come ha ereditato l'attività?
Entrai in azienda nel 1950. Alberto Pariani, figlio di Adolfo, aveva sposato mia zia Caterina Maria Marchesini e desiderava che qualcuno della famiglia potesse continuare l'attività, visto che lui non aveva figli. Io accettai con piacere e mi trasferii dalla natia Valpolicella a Milano.
Era per me un mondo del tutto nuovo, decisamente curioso. Stavo in ufficio tutto il giorno, per apprendere il sistema amministrativo, e seguivo il lavoro degli artigiani: li guardavo e soprattutto ascoltavo le loro storie, di persone particolari, di luoghi strani, di avventure con i cavalli. All'epoca non c'era fretta, si imparava con calma. Il tempo aveva un valore diverso. La decisione di Alberto di formare un sostituto si rivelò in seguito provvidenziale, visto che morì 6 anni dopo, lasciando a me e a mio zio la gestione dell'attività.

Chi gestisce oggi l'azienda?
Oggi l'azienda è in mano ai miei due figli Caterina e Carlo. Hanno iniziato a lavorare con me negli anni '80 e nel 2012 sono diventati i responsabili della gestione. Entrambi ora sono molto conosciuti e stimati, anche all'estero, e rappresentano il futuro dell'azienda.
A supportare il loro lavoro c'è una squadra di artigiani eccellenti: la loro passione e la loro competenza è il vero cuore pulsante dell'azienda. Perché, in fin dei conti, le cose materiali che contano e che durano le fanno gli uomini, non le macchine.

Pariani
Cosa rende le vostre selle uniche ancora oggi?
La maggior parte delle sellerie produce selle standard in serie, lasciando poco tempo alla cura dei dettagli. Noi non abbiamo mai fatto produzioni seriali, ancora oggi produciamo solo circa 600 selle all'anno, e consideriamo il tempo un prezioso alleato.
Sin dalla nascita la selleria Pariani ha ricercato la massima qualità, sia nei materiali sia nelle finiture. La qualità alla lunga premia ma è la passione nel nostro lavoro che fa la differenza.

Qual è la vostra clientela?
Da sempre Pariani rifornisce i migliori cavalieri del mondo, offrendo un servizio dedicato e su misura, e collabora con loro alla creazione di nuovi modelli, che si rivelano spesso un successo.
Oltre ai professionisti del settore, tra i nostri clienti ci sono anche grandi imprenditori, capi di stato e nobili da tutto il mondo. Hanno montato Pariani personaggi come Gabriele D'Annunzio, Giovanni Agnelli, Vittorio Feltri, lo stilista Valentino, John Kennedy, l'ultimo Scià di Persia Reza Pahlavi, la regina Elisabetta, Andrea Bocelli, ... Perfino Guccio Gucci montava le nostre selle, nonostante inizialmente le producesse anche la sua azienda.

Chi di loro le è rimasto più impresso?
Non dimenticherò mai quando, nell'autunno del 1984, notai sulla copertina della “Domenica del Corriere” un'immagine di Ronald Reagan con una delle nostre selle sotto braccio. Ne richiedemmo una copia al settimanale milanese, ma si rifiutarono di inviarcela. Così pensammo di chiederla direttamente all'ufficio stampa della Casa Bianca; senza troppe speranze, in realtà. Dopo due settimane la fotografia arrivò presso la nostra sede in una grande busta gialla, riportante il timbro “The White House”.

Qual è stata la sua più grande soddisfazione?
Questa è la storia di un'azienda artigiana di famiglia, che nel suo piccolo ha contribuito al successo del Made in Italy nel mondo. Nel 1970 ricevemmo la Medaglia d'oro al merito dalla Camera di Commercio di Milano per “67 anni di lodevole attività”.
Ma ciò che più mi rende orgoglioso è che nella mia azienda non è mai stato licenziato alcun dipendente. Quasi tutti gli operai sono entrati come giovani apprendisti, hanno imparato il mestiere e sono usciti all'età pensionabile. Credo che al giorno d'oggi questa sia una storia che vale la pena raccontare.


Selleria Pariani
Via Alfonso Capecelatro, 14
20148 Milano
02 4009 1504
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.pariani.it

Pariani

Contact

  • Recensioni

    • 0 recensioni
    • Orafi e gioiellieri

      0 recensioni
    • Orafi e gioiellieri

      0 recensioni
    • Artigiani del vetro

      0 recensioni
    • Tessitori e tintori

      0 recensioni
    • Tessitori e tintori

      0 recensioni
    • Tessitori e tintori

      0 recensioni
    • 0 recensioni
    • 0 recensioni
    • 0 recensioni
  • Consigliati

    • Un punto di riferimento internazionale per l'arte dell'incisione
      Urbinate di nascita, Corrado Albicocco negli anni Settanta si trasferisce per insegnare a Udine. Dal 1994, la Stamperia d’Arte Albicocco in via Ermes Colloredo è un punto di riferimento per la stampa di opere incise. Nella “bottega” di Corrado transitano i più importanti maestri dell’arte incisa italiani e stranieri: solo per citarne alcuni, Giuseppe Zigaina, Emilio Vedova, Piero Guccione… La Stamperia si distingue, inoltre, per le mostre che ospita come galleria e per la cura di raffinati libri d’artista.
    • Un cenacolo della tipografia
      La Stamperia Tallone ad Alpignano è, per gli appassionati, un vero cenacolo della tipografia. Enrico, che ha ereditato dal padre Alberto la maestria dell’arte, pubblica con il prezioso aiuto dei figli Lorenzo, Elisa ed Eleonora vere gemme editoriali. La composizione a mano dei testi e l’impeccabile stampa su carte raffinate sono il segreto di libri che profumano d’inchiostro e di passione.
    • Un talento made in Italy
      Nicola Frignani compare con forza creativa sul palcoscenico dell’arte applicata italiana nei primi anni Novanta, presentando con i fratelli Claudia e Mattia una collezione di arredi e complementi sotto il brand Wunderkammerstudio.
      Oggi Nicola collabora con Barbara d'Incecco, proponendo la nuova collezione NB Milano, dove si evidenziano le sue migliori caratteristiche di progettista, artigiano, scultore e maker, che lo differenziano da altri designer.
      La sua visione, radicata nella migliore tradizione italiana, guarda al mondo con approccio contemporaneo ed è da anni il segreto del suo successo.
    • Restauratori dei dipinti

      Le forme della poesia
      Fondato nel 1973 da Giorgio Funaro e Rita Rivelli, Studio Forme è un laboratorio che si divide tra restauro e creazione di oggetti in vetro e ceramica. La magia dello spazio è garantita dalla presenza di pezzi vintage e nuove realizzazioni, che si distinguono per un delicato equilibrio tra decorazione e design, tra perfezione e unicità. La vicinanza con la chiesa di Santa Cecilia fornisce un ulteriore valido motivo per visitare questo splendido luogo di lavoro e poesia.
    • Tessitori e tintori

      Creativo eclettico e cosmopolita
      Il mondo di Eugenio Vazzano è vasto, come la sua visione, risultato di una vita di viaggi e di esperienze lavorative, che lo ha portato da Firenze, dove ha compiuto studi Accademici, negli Stati Uniti per sperimentare e fondere la sua esperienza con le tradizioni americane country e folk.
      Siciliano cosmopolita, artista, maker, autore di fashion e home collection, oltre che di prodotti agroalimentari e saponi, confezionati all’antica con olio d’oliva ed essenze profumate, abbinati a sacchetti di tessuto contenenti profumi per il guardaroba.
      Da poco tempo, dall’amore per la sua terra, è nata Tasting Sicily, una società che produce e commercializza il meglio dei prodotti della terra siciliana: marmellate, sughi, patè e sale profumato di aromi.
    • Una tradizione secolare che si rinnova
      Caltagirone, terra di antica tradizione ceramica, ospita la più longeva manifattura ceramica d’Italia. Nove generazioni di ceramisti, dalla prima metà del ‘700, continuano ad operare nell’incanto di smalti e colori per realizzare manufatti di pregio. La Bottega Iudici è oggi gestita da Alessandro e Marco, rispettivamente modellatore e decoratore, che con grande maestria propongo oggetti della tradizione (lucerne, vasi antropomorfi, fischietti, brocche piatti), a volte rivisitati e riattualizzati, mai dimenticando l’antico sapore del fare.

    • Oggetti carichi di storie e sentimenti
      Come spesso accade nelle botteghe italiane, la tradizione continua passando dai senior agli junior. Algranti Lab esprime un’estetica nuova, ereditata dalla creatività di Costanza Algranti, realizzata attraverso l'utilizzo di materiali non nuovi, dove il riciclo è arte.
      Infatti, il plus di questi manufatti non è il riciclo in sé ma l'effetto che suscitano: le lamiere, le lastre di rame e i legni corrosi dal tempo vengono riutilizzati con scrupolo e riadattati a nuovi spazi e a nuove esigenze. Essi raccontano una storia: hanno già avuto una vita e sono sopravissuti. E al tempo sopravvivono solo le cose migliori, oltre ai sentimenti. Ecco, gli oggetti di cui parliamo hanno dei sentimenti e li esprimono.

    • Maker tra i più innovativi e imprenditore di successo.
      Davide Grosso apre la sua azienda GLab nel 2000, presentando sul mercato una collezione di mobili e complementi di arredo davvero inedita: le Edizioni, grande leitmotif degli anni '50 italiani.
      L’artigianato si confronta apertamente con la tecnologia attraverso il progetto di pezzi unici e customized, con la possibilità di replicare la produzione senza perdere l’unicità.
      Negli anni successivi la collezione si arricchisce di legni, interventi di laccatura e altre tecniche tratte dal mondo dell’antiquariato, che Davide conosce bene e sperimenta fin dall’inizio della sua carriera.
      Oggi, con il contributo di Giampaolo Celada e Cristina Meucci, architetti, GLab interpreta le esigenze di un pubblico raffinato ed internazionale, che desidera unicità ed eccellenza per gli arredi delle proprie dimore e luoghi di lavoro.

    • Artigiani del vetro

      Deliziose sculture in vetro
      Le sue creazioni, caratterizzate spesso da una cifra ironica, sono eseguite con grande sapienza. Come la serie dei cioccolatini, che imita in modo perfetto le più raffinate creazioni dei maître chocolatier e si possono indossare come golose perle con il foro passante.
    • Maestro esperto del Bucchero
      La collaborazione con il laboratorio creativo Antonio Rossi, nasce dopo un viaggio a Gubbio, terra etrusca e quindi di Bucchero. Gaetano Rossi, che prosegue con passione il percorso iniziato dal padre negli anni ’30, può essere definito come uno dei massimi esperti nella lavorazione, brunitura e cottura a carbone di questo incredibile materiale.
  • Lasciati Ispirare
  • Potrebbero anche interessarti...

    Le nostre rubriche di cultura della qualità