Consigliato da: MARIA PILAR LEBOLE

Originario di Tokyo, Takafumi Mochizuki si trasferisce a Firenze nel 2007 per affinare le sua abilità nel restauro e nell’intarsio del legno. Si forma nella bottega del maestro Renato Olivastri, e apre il suo atelier nell’Oltrarno nel 2014. Già dalla scelta del nome, “Zougan”, intarsio in giapponese, seguito dal suffisso tipicamente italiano, Mochizuki richiama la contaminazione tra le due culture, la nipponica e la nostrana, che è alla base della sua proposta artistica: linee eleganti, stile raffinato e altissima fattura.
Takafumi ha lavorato per importanti marchi, affermati designer e privati, artisti e artigiani di fama internazionale. I suoi lavori spaziano da complementi di arredo a meravigliosi pannelli decorativi, fino ad accessori per l’abbigliamento, come papillon e cinturini per orologi, occhiali e portafogli.

VALUTA ANCHE TU QUESTO ARTIGIANO

recensioni

  • QUALITÀ ARTIGIANALE
  • AUTENTICITÀ e ORIGINALITÀ
  • COMPETENZA E PROFESSIONALITÀ
  • ATMOSFERA E AMBIENTE
Maria Pilar Lebole Responsabile del progetto OmA presso l'Ente CR Firenze
Uno scrigno di saperi del Sol Levante

Zouganista in giapponese significa maestro di intarsio. Lui è Takafumi Mochizuki o più semplicemente Taka, animo creativo, fantasioso e gentile. ...

Zouganista in giapponese significa maestro di intarsio. Lui è Takafumi Mochizuki o più semplicemente Taka, animo creativo, fantasioso e gentile. Entrando nella sua bottega d’Oltrarno, aperta nel 2014, colpisce la sua tavolozza di varianti lignee e la sua personalissima interpretazione di oggetti desueti, a volte distrutti, da lui sapientemente recuperati e trasformati in opere pregiate e intarsiate. La bottega è uno scrigno di saperi e di conoscenze che provengono dal Sol Levante, come la tecnica della doratura delle crepe, detta Kintsugi, con cui l’artigiano decora i suoi manufatti. Lo studio del giovane Taka è una dimostrazione di come l'artigianato artistico contemporaneo possa rinnovare le tecniche della più antica tradizione.