Firenze è la città dei profumi sin dal Rinascimento. Oggi la tradizione si perpetua grazie alla presenza di botteghe ed esperti blasonati.
Maria Pilar
Lebole

Tag

Firenze, città delle arti e del saper fare. Firenze città del profumo. Una storia che ha origine nel periodo aureo del Rinascimento e che ancora oggi grazie alla presenza di botteghe e nasi blasonati è ricca di novità riconosciute e apprezzate in tutto il mondo.
Una dedizione quella di Firenze alla profumeria artistica che in anni recenti ha visto crescere una importante fiera di settore dedicata, ‘Fragranze’, portata avanti con successo di partecipazione e buyer da Pitti Immagine. Nel percorso di oltre cinquecento anni ne è stata fatta di strada. Dalla comparsa del “Nuovo Ricettario Fiorentino" messo a punto dal Collegio dell'Arte dei Medici nel 1498 per fissare le regole a cui tutti gli speziali dovevano attenersi per la composizione dei loro composti,  alla cura delle scienze botaniche che tanto appassionò la famiglia dei Medici.

Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella deve la sua creazione ai frati domenicani che si stabilirono a Firenze nel XIII secolo. Oggi se ne ammira tutta la storia negli arredi, negli strumenti e nelle decorazioni. Se la sua fama si lega al tipico liquore rosso Alchermes ottenuto dalla cocciniglia essiccata, oppure alla Polvere per imbiancare le carni (tipica degli anni 20 del ‘900) negli imponenti locali di via della Scala si apprezzano gli intensi profumi e i pout-pourri, insieme ad aromi insoliti e pungenti. Un successo dovuto anche al piglio imprenditoriale del patron Eugenio Alphandery che ha fortemente creduto nel valore di una produzione tutta made in Florence. «Le erbe officinali, la lavanda e le rose arrivano dal nostro giardino di Villa La Petraia», spiega, «come le candele dalla cereria interna». In tempi recenti  per celebrare importanti anniversari si sono create profumazioni come l'Acqua di Colonia Cinquanta per festeggiare il 50° anniversario di gemellaggio tra Firenze e Kyoto. Un bouquet floreale dove le note di testa di gardenia, fiori d’arancio e fiori di tiaré, s’intrecciano con legni dolci e the verde nella ricchezza del cashmere. Una nota muschiata ed ambrata introduce il fondo di legni preziosi. Oppure Lana, Acqua di Colonia ad edizione limitata, morbida, calda e dolce nell’aria come la sensazione che si prova ad affondare la mano nella lana. «In occasione della mostra Amore e Psiche nel 2012 a Palazzo Marino a Milano abbiamo realizzato la fragranza per l'ambiente per rievocare l’odore fresco del giardino, quello legnoso del sottobosco e quello freddo del marmo, mentre lo scorso luglio al Palazzo delle Esposizioni di Roma per il progetto “Caravaggio Experience” è andata in scena la fragranza ‘Maledetto’».
Questione di naso
Sempre a Firenze nella Farmacia SS. Annunziata già nel 1561 si ha una particolare tradizione nella formulazione di galenici e prodotti per l'igiene e l'estetica della pelle. All'esperienza dell'antica Farmacia oggi la proprietaria famiglia Azzerlini utilizza le nuove tecnologie passando dalle lavorazioni fatte a mano con spatole e pestelli a preparazioni eseguite con macchinari moderni e sicuri. Sono trascorsi oltre 450 anni dalla nascita della Farmacia SS. Annunziata e più di 150 sono gli articoli cosmetici apprezzatissimi dalla clientela. Con la nuova linea Farmacia 1561 dedicata a cinque prodotti per la cura e per il trattamento degli inestetismi del viso si unisce l'avanguardia di sostanze ad azione simile al botulino con eccipienti ad assorbimento ottimale che garantiscono ottimi risultati.



Storia più recente e subito prestigiosa quella di Lorenzo Villoresi, naso, maestro profumiere che con la fine degli anni ottanta parallelamente alla carriera accademica come ricercatore di Filosofia antica, si appassiona al mondo dei profumi e nel 2006 si aggiudica il prestigioso premio internazionale Prix Francois Coty di Parigi, il più importante riconoscimento alla carriera artistica di un profumiere. Imposto sulla scena internazionale con il suo prodotto che concilia l’altissima qualità al lusso, ha recentemente aperto un suo negozio a Firenze in via de’ Bardi dove a primavera 2017 prenderà vita un ambizioso progetto dedicato proprio al mondo del profumo. «Un museo», spiega Villoresi, «per conoscere il dietro le quinte del settore, un giardino con piante aromatiche che si presterà anche ad attività didattiche e un’accademia con corsi ed eventi per avvicinare un pubblico di appassionati alla conoscenza di un ambito così complesso». Non solo, sempre a primavera Villoresi sbarcherà a Dubai aprendo uno shop in shop dentro la Galerie Lafayette dove saranno presenti tutte le ultime novità Villloresi. Dal profumo solido realizzato con la celebre fragranza Teint de Neige da portare con sé anche in viaggio, alla impalpabile fragranza Hair mist, una nuvola profumata a bassa percentuale di profumo da nebulizzare sui capelli e sui capi di abbigliamento.
Questione di naso
In Borgo Santa Croce, attiguo alla casa-studio, recentemente restaurata e visitabile su prenotazione, in cui Giorgio Vasari ebbe a finire i suoi giorni, l'esperienza di Sileno Cheloni con il salotto delle essenze di AquaFlor è senz'altro da non mancare. Più di 1500 materie prime odorose negli eleganti scaffali dell'olfattoteca danno inizio al viaggio olfattivo capace di far viaggiare virtualmente in luoghi lontani. Incenso dell'Oman, la rosa di Taif e il sandalo di Mysore...ma se si sceglie il percorso guidato con il maestro profumiere, si ha modo di veder realizzato il proprio profumo, assolutamente unico. «La nuova sfida», racconta Cheloni, «che si lega alla personalizzazione dei profumi mi porta oggi a sviluppare l’idea di piccoli flaconi (ogni flacone è di 30 ml) da integrare a seconda del gusto e del cliente». E non mancano progetti originali come quello anche portato avanti con la Fondazione Advancing Women Artists di Jane Fortune che vedrà la realizzazione di un profumo ‘invisibile’ per sottolineare il lavoro nascosto e prezioso delle donne restauratici e artiste.
Questione di naso

Contatti

  • Recensioni

    • Artigiani del vetro

      0 recensioni
    • Tessitori e tintori

      0 recensioni
    • Tessitori e tintori

      0 recensioni
    • Tessitori e tintori

      0 recensioni
    • 0 recensioni
    • 0 recensioni
    • 0 recensioni
    • 0 recensioni
    • 0 recensioni
    • Restauratori dei dipinti

      0 recensioni
  • Consigliati

    • Un punto di riferimento internazionale per l'arte dell'incisione
      Urbinate di nascita, Corrado Albicocco negli anni Settanta si trasferisce per insegnare a Udine. Dal 1994, la Stamperia d’Arte Albicocco in via Ermes Colloredo è un punto di riferimento per la stampa di opere incise. Nella “bottega” di Corrado transitano i più importanti maestri dell’arte incisa italiani e stranieri: solo per citarne alcuni, Giuseppe Zigaina, Emilio Vedova, Piero Guccione… La Stamperia si distingue, inoltre, per le mostre che ospita come galleria e per la cura di raffinati libri d’artista.
    • Un cenacolo della tipografia
      La Stamperia Tallone ad Alpignano è, per gli appassionati, un vero cenacolo della tipografia. Enrico, che ha ereditato dal padre Alberto la maestria dell’arte, pubblica con il prezioso aiuto dei figli Lorenzo, Elisa ed Eleonora vere gemme editoriali. La composizione a mano dei testi e l’impeccabile stampa su carte raffinate sono il segreto di libri che profumano d’inchiostro e di passione.
    • Un talento made in Italy
      Nicola Frignani compare con forza creativa sul palcoscenico dell’arte applicata italiana nei primi anni Novanta, presentando con i fratelli Claudia e Mattia una collezione di arredi e complementi sotto il brand Wunderkammerstudio.
      Oggi Nicola collabora con Barbara d'Incecco, proponendo la nuova collezione NB Milano, dove si evidenziano le sue migliori caratteristiche di progettista, artigiano, scultore e maker, che lo differenziano da altri designer.
      La sua visione, radicata nella migliore tradizione italiana, guarda al mondo con approccio contemporaneo ed è da anni il segreto del suo successo.
    • Restauratori dei dipinti

      Le forme della poesia
      Fondato nel 1973 da Giorgio Funaro e Rita Rivelli, Studio Forme è un laboratorio che si divide tra restauro e creazione di oggetti in vetro e ceramica. La magia dello spazio è garantita dalla presenza di pezzi vintage e nuove realizzazioni, che si distinguono per un delicato equilibrio tra decorazione e design, tra perfezione e unicità. La vicinanza con la chiesa di Santa Cecilia fornisce un ulteriore valido motivo per visitare questo splendido luogo di lavoro e poesia.
    • Creativo eclettico e cosmopolita
      Il mondo di Eugenio Vazzano è vasto, come la sua visione, risultato di una vita di viaggi e di esperienze lavorative, che lo ha portato da Firenze, dove ha compiuto studi Accademici, negli Stati Uniti per sperimentare e fondere la sua esperienza con le tradizioni americane country e folk.
      Siciliano cosmopolita, artista, maker, autore di fashion e home collection, oltre che di prodotti agroalimentari e saponi, confezionati all’antica con olio d’oliva ed essenze profumate, abbinati a sacchetti di tessuto contenenti profumi per il guardaroba.
      Da poco tempo, dall’amore per la sua terra, è nata Tasting Sicily, una società che produce e commercializza il meglio dei prodotti della terra siciliana: marmellate, sughi, patè e sale profumato di aromi.
    • Una tradizione secolare che si rinnova
      Caltagirone, terra di antica tradizione ceramica, ospita la più longeva manifattura ceramica d’Italia. Nove generazioni di ceramisti, dalla prima metà del ‘700, continuano ad operare nell’incanto di smalti e colori per realizzare manufatti di pregio. La Bottega Iudici è oggi gestita da Alessandro e Marco, rispettivamente modellatore e decoratore, che con grande maestria propongo oggetti della tradizione (lucerne, vasi antropomorfi, fischietti, brocche piatti), a volte rivisitati e riattualizzati, mai dimenticando l’antico sapore del fare.

    • Oggetti carichi di storie e sentimenti
      Come spesso accade nelle botteghe italiane, la tradizione continua passando dai senior agli junior. Algranti Lab esprime un’estetica nuova, ereditata dalla creatività di Costanza Algranti, realizzata attraverso l'utilizzo di materiali non nuovi, dove il riciclo è arte.
      Infatti, il plus di questi manufatti non è il riciclo in sé ma l'effetto che suscitano: le lamiere, le lastre di rame e i legni corrosi dal tempo vengono riutilizzati con scrupolo e riadattati a nuovi spazi e a nuove esigenze. Essi raccontano una storia: hanno già avuto una vita e sono sopravissuti. E al tempo sopravvivono solo le cose migliori, oltre ai sentimenti. Ecco, gli oggetti di cui parliamo hanno dei sentimenti e li esprimono.

    • Maker tra i più innovativi e imprenditore di successo.
      Davide Grosso apre la sua azienda GLab nel 2000, presentando sul mercato una collezione di mobili e complementi di arredo davvero inedita: le Edizioni, grande leitmotif degli anni '50 italiani.
      L’artigianato si confronta apertamente con la tecnologia attraverso il progetto di pezzi unici e customized, con la possibilità di replicare la produzione senza perdere l’unicità.
      Negli anni successivi la collezione si arricchisce di legni, interventi di laccatura e altre tecniche tratte dal mondo dell’antiquariato, che Davide conosce bene e sperimenta fin dall’inizio della sua carriera.
      Oggi, con il contributo di Giampaolo Celada e Cristina Meucci, architetti, GLab interpreta le esigenze di un pubblico raffinato ed internazionale, che desidera unicità ed eccellenza per gli arredi delle proprie dimore e luoghi di lavoro.

    • Artigiani del vetro

      Deliziose sculture in vetro
      Le sue creazioni, caratterizzate spesso da una cifra ironica, sono eseguite con grande sapienza. Come la serie dei cioccolatini, che imita in modo perfetto le più raffinate creazioni dei maître chocolatier e si possono indossare come golose perle con il foro passante.
    • Maestro esperto del Bucchero
      La collaborazione con il laboratorio creativo Antonio Rossi, nasce dopo un viaggio a Gubbio, terra etrusca e quindi di Bucchero. Gaetano Rossi, che prosegue con passione il percorso iniziato dal padre negli anni ’30, può essere definito come uno dei massimi esperti nella lavorazione, brunitura e cottura a carbone di questo incredibile materiale.
  • Lasciati Ispirare
  • Potrebbero anche interessarti...

    Le nostre rubriche di cultura della qualità