Consigliato da: ELENA AGOSTI

Daniela Vettori è un’artista orafa, nata a Roma da una famiglia di creativi e trasferitasi a Vicenza negli anni Settanta per avviare la sua attività, dove tutt’oggi lavora.
Nella sua bottega, ai piedi della Basilica Palladiana, vengono realizzati gioielli preziosi plasmati sulla base di una continua ricerca del bello, con un approccio diretto ed emotivo nella modellazione di oro e argento. Creazioni uniche che nascono dalla fantasia dell’artista o sono progettati insieme al cliente, oppure nascono dalla trasformazione di gioielli inutilizzati. Le sue creazioni sono apprezzate per la grande originalità e richieste per mostre e fiere di gioielleria artistica in tutto il mondo, dagli Stati Uniti al Giappone. Da una decina di anni anche la figlia Margherita ha seguito le sue orme, entrando a far parte dell’azienda di famiglia.
Nel laboratorio si realizzano anche nuove creazioni a partire da oro usato.

Aggiungi a un itinerario
VALUTA ANCHE TU QUESTO ARTIGIANO
recensioni
  • QUALITÀ ARTIGIANALE
  • AUTENTICITÀ e ORIGINALITÀ
  • COMPETENZA E PROFESSIONALITÀ
  • ATMOSFERA E AMBIENTE
elena-agosti-profile
Elena Agosti Direttore Casa Museo Villa Lattes
Linee ispirate dalle forme inconsuete della natura

La bottega di Daniela e Margherita si trova proprio nel cuore di Vicenza, tra le serliane della grande opera che Andrea Palladio ha creato per ...

La bottega di Daniela e Margherita si trova proprio nel cuore di Vicenza, tra le serliane della grande opera che Andrea Palladio ha creato per Vicenza, trasformandola da città di tradizione romana a piazza del rinascimento. Ed è proprio qui, nel centro di arte e cultura, che troviamo creazioni artistiche in oro ed argento, linee ispirate dalle forme inconsuete delle pietre preziose e dagli echi della natura, un fascino unico che esprime la sua unicità nel tempo. La lavorazione in bottega è completa, dal modello in cera alla rifinitura finale, il gioiello non è visto solo come un ornamento ma come un simbolo che ci ricorda l’enorme forza che custodiamo; indossandolo entriamo in contatto profondo con la nostra interiorità.

Utente giugno 2021