Recommended by: STEFANIA MONTANI

The Fumagalli & Dossi Gipsoteca boasts an ancient and prominent history. Back in 1927, when the famous Milanese Gipsoteca Vallardi closed down, two of the atelier’s plaster cast makers, Gariboldi and Bertolazzi, acquired part of the large cast collections. Based on this, they set up their own atelier. From then on, the Milan-based workshop lived on throughout the century. It was handed down to the two founders’ children and later to their sons’ apprentices, Agostino Fumagalli and Mario Dossi, also working and learning the craft in the atelier. The two partners were later joined by Roberto Fumagalli.
Today, Fumagalli & Dossi cater to art schools in all of Italy with their plaster casts. They also specialise in cast moulding and finishing, live casting and restoration, as well as in the creation of friezes and decorative elements.

Add to an itinerary
REVIEW THIS ARTISAN
reviews
  • CRAFT QUALITY
  • ORIGINALITY AND AUTHENTICITY
  • COMPETENCE AND PROFESSIONALISM
  • LOCATION AND ATMOSPHERE
stefania-montani-2-profile
Stefania Montani Journalist
Amazing Plaster Figures

A magic atmosphere, suspended in time and space: that is what awaits you when you enter the Gipsoteca Fumagalli and Dossi, where wonderful plaster ...

A magic atmosphere, suspended in time and space: that is what awaits you when you enter the Gipsoteca Fumagalli and Dossi, where wonderful plaster casts, ranging from ancient Greek art to the 19th century, are being created; an atmosphere enhanced by the collusive fine dust from chalk-working and the patinas developed by Mario Dossi and Roberto Fumagalli. Canova’s heads, the horses from the Parthenon’s frieze and Michelangelo’s David are just sensational

marica magni July 2017
Portarsi a casa un pezzo di antichità? Qui si può.

A pochi passi dalle nuove architetture di Porta Nuova, nel cortile di una vecchia casa di ringhiera ancora sorprendentemente intatta, si può ...

A pochi passi dalle nuove architetture di Porta Nuova, nel cortile di una vecchia casa di ringhiera ancora sorprendentemente intatta, si può sperimentare l'incontro ravvicinato con la bellezza antica: la Nike di Samotracia, il torso del Laocoonte, la testa del David di Michelangelo e decine e decine di altre statue, busti, fregi, rilievi sapientemente riprodotti in gesso. Tra tante meraviglie è difficile scegliere quale potarsi a casa, per dare un tocco di eleganza intellettuale a un angolo del soggiorno o del terrazzo... Un luogo di grande suggestione, dove si torna indietro nel tempo, ascoltando le parole e osservando i gesti silenziosi e sapienti del formatore titolare del laboratorio.

armando torri February 2017
Tutto in un UNICO luogo

Nonostante la noiosa e continua apertura di locali commerciali dedicati al food e a prodotti di basso livello resiste in un suggestivo cortile della ...

Nonostante la noiosa e continua apertura di locali commerciali dedicati al food e a prodotti di basso livello resiste in un suggestivo cortile della vecchia Milano un laboratorio/bottega di alto livello, un luogo dove il tempo ha arrestato la sua corsa frenetica all'innovazione per regalarci uno scorcio su un mondo e una cultura secolare che purtroppo stiamo perdendo, l'artigianato. Consiglio a tutti una visita a questa bottega "magica" dove potrete ritrovare le riproduzioni perfette dei più importanti capolavori scultorei dell'arte, dalla Grecia antica al neoclassicismo canoviano. Potrete vedere Atena che dialoga serenamente con Lorenzo de Medici, Menelao che fa la corte a Paolina Borghese, verrete rapiti da questi cortocircuiti della storia ma sopratutto verrete incantati dai racconti del "padre" di queste opere, lo vedrete lavorare i calchi sotto i vostri occhi, vi spieghera' tutto l'antico processo di realizzazione che necessita un calco e vi regalerà un incredibile esperienza, non virtuale, nella storia del nostro artigianato. Andate tutti a far visita a questa bottega storica, e a tutte le botteghe storiche, di uscire dai soliti circuiti di musei, mostre e performance per dedicare un pó di tempo a coloro che mantengono viva la tradizione e la cultura della nostra città e del nostro paese.