Studio Forme

Lo Studio Forme è stato fondato a Roma nel 1973 da Giorgio Funaro e Rita Rivelli. Al suo interno convivono sia l’attività produttiva sia quella conservativa e di restauro. La formazione culturale, la conoscenza delle tecniche storiche e la continua sperimentazione sono alla base del loro lavoro.
Il laboratorio si avvale dell’esperienza decennale di operatori interni e di collaboratori esterni di alto livello, tecnici specializzati e ricercatori.
Con il passare del tempo sono state raccolte le competenze necessarie per affiancare al restauro la produzione artistica di manufatti in ceramica e vetro, grazie anche al coinvolgimento di artisti eccellenti di fama internazionale.
Inoltre lo Studio fa largo uso di strumenti multimediali per presentare i progetti culturali inerenti i “mestieri” di cui si occupa. A questo proposito, il progetto “Enciclopedia multimediale delle Arti e Mestieri” ha ricevuto nel 1996 il Premio Pirelli per la diffusione delle Scienze.

SauveSimen

Emanuela Sauve e Cristina Simen si sono conosciute presso l’Institut Supérieur de Peinture Van Der Kelen di Bruxelles, dove si sono diplomate nel 1989. Da questa esperienza è nata SauveSimen, una collaborazione professionale e una solida amicizia, che dura ancora oggi con successo.
Nel 2010 hanno aperto il loro studio-showroom a Milano, che ha anche una sede a Roma. Emanuela e Cristina, infatti, lavorano spesso a distanza su differenti lavori, completandosi e cooperando all’occorrenza.
Dipingono trompe l’oeil o murales su pareti di locali pubblici, negozi, case private e spazi per bambini, decorano mobili, tingono tessuti e restaurano soffitti. Nel tempo si sono specializzate nella riproduzione di finti marmi e finti legni, dipinti con tecniche a olio o ad acqua.
La loro nuova collezione di accessori per la tavola e di complementi d’arredo nasce dall’amore per l’arte africana e per il design nordico e comprende sottopiatti, sottobicchieri, ceramiche e pochette personalizzabili con motivi geometrici e colori esotici.

Mastro Caparra – Carlo Ciccarelli

Carlo Ciccarelli inizia giovanissimo la sua attività di fabbro nel 1983, con l’intento di tramandare la tradizione e il fascino di un mestiere antico.
Oggi Carlo, con l’aiuto del figlio Francesco, nella sua bottega Mastro Caparra in provincia di Frosinone realizza articoli di arredamento, oggettistica, sculture e cancelli in ferro battuto unici e di grande qualità, impiegando creatività e competenza, utilizzando metodi di lavorazione tradizionali.
Nel 2014 ha ricevuto il Riconoscimento di origine e di qualità nel settore dell’Artigianato artistico e tradizionale dalla Regione Lazio e dalla Camera di Commercio di Frosinone.

Arte & Mestieri

Arte & Mestieri è un laboratorio artigiano di tappezzeria artigianale di Vigevano, Pavia, con più di vent’anni di esperienza nel settore.
L’azienda è specializzata nella conservazione e restauro di mobili in legno con imbottito di pregio. I materiali e le tecniche impiegate si adeguano allo stile e all’epoca del prodotto, ricercando la qualità più elevata, con l’obiettivo di recuperare e accrescerne il valore e di garantire resistenza e longevità. L’azienda offre inoltre un servizio di riprogettazione su misura dell’imbottitura, esegue dorature e trattamenti antitarli e realizza tappezzerie murali tesate in stoffa, curandone anche la messa in posa.
Il catalogo di arredi progettati e prodotti dall’azienda include testate da letto, tende, copritavoli, copriletti, cuscini, divani, poltrone e pouf, anche con lavorazione sfoderabile dei tessuti.
Presso lo showroom di Arte & Mestieri è possibile consultare un vasto campionario di fini tessuti e pelli, prodotti dalle migliori aziende italiane ed europee.

Alice Corbetta

Alice Corbetta è nata a Milano, dove si è diplomata in pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Inizia la sua carriera disegnando collezioni di tessuti e tappeti contemporanei per aziende e studi della provincia di Como. Successivamente si specializza nella progettazione di mobili e prodotti, collaborando con alcuni studi d’architettura. Dal 2007 vive a Montespertoli, Firenze, dove si dedica alla decorazione contemporanea di spazi domestici, realizzando texture e superfici in cemento e resina.
Ogni complemento d’arredo è considerato come una piattaforma narrativa, attraverso cui far convergere diversi riferimenti intellettuali a opere letterarie o a correnti storico-artistiche, come il Movimento Moderno, la Bauhaus e la Poesia Visiva.
La particolare tecnica messa a punto da Alice assume il valore aggiunto dell’unicità sartoriale, tramando superfici in rilievo nell’essenza di un materiale contemporaneo. Sul rivestimento di una parete, di un mobile o di altri tipi di complementi la sua firma stilistica è inconfondibile: vi si ritrova la continua evoluzione della sua ricerca e della sua sensibilità artistica

 

Mirko Pancaldi

Mirko Pancaldi si è laureato in Architettura a Milano nel 1997. Non si definisce un designer ma un artigiano dell’arredamento, in grado di combinare nelle sue creazioni tecniche di lavorazione tradizionali e cultura del design contemporaneo.
Dopo aver realizzato i suoi primi arredi, inizia a collaborare con importanti studi di architettura italiani e stranieri. Nella sua produzione sperimenta l’uso di vari materiali, tecniche e stili, creando una gran varietà di mobili, carte da parati e tappeti.
Oltre alla progettazione su misura e alla consulenza di arredo, Mirko Pancaldi offre ad aziende e marchi italiani servizi di comunicazione e brand identity.

Donatella Zaccaria

Ispirata dai grandi artisti del Novecento, Donatella Zaccaria ha cominciato ad avvicinarsi all’arte del vetro durante i suoi studi presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, trasformando i suoi disegni in vetrate artistiche e mosaici.
Ogni suo progetto è un’opera unica, connubio tra arte e artigianato, realizzata su misura per i suoi clienti attraverso un’approfondita ricerca nei materiali, sperimentazione nelle lavorazioni e grande attenzione ai dettagli.
Donatella utilizza vetri pregiati e dimostra notevole abilità in tutte le tecniche della tradizione: dal mosaico bizantino alla vetrofusione, dalla tecnica Tiffany a quella a piombo, dal collage alla pittura con grisaglia cotta a gran fuoco. Questa versatilità le permette di esprimere la sua creatività declinandola in numerosi stili estetici.
Oltre alla produzione di vetrate, complementi d’arredo e gioielli, si occupa anche del restauro di lampade, vetrate sacre e d’epoca, mosaici e altri oggetti in vetro.
Durante la sua carriera ha collaborato con importanti progettisti in Italia e all’estero, tra cui Alessandro Mendini, Claudio Salocchi, Alessandro Menna e Studio M.O.R.S.A.

Roberto Zuccaro

Nato a Montesilvano, vive a Loreto Aprutino, in provincia di Pescara, in un’antica casa che ha restaurato con le sue mani e il suo stile, ma si sposta dove il lavoro lo chiama. Ha studiato prima al liceo artistico di Pescara e poi pittura all’Accademia di belle arti di Bologna.
Progetta e realizza secondo una sua personalissima poetica interni di case, alberghi e ristoranti, creando anche complementi d’arredo, con materiali insoliti e spesso stranianti come il cemento. Dipinge su tela con tecnica mista, carboncini e tempere, soggetti principalmente di tipo naturalistico, che diventano decorazioni raffinatissime per le pareti, citazioni contemporanee dei papier peint settecenteschi.

Emblema Opificio

Giuseppe e Francesco Emblema sono figli d’arte di Salvatore, famoso artista concettuale.
Nel loro laboratorio di Terzigno, ai piedi del Vesuvio, plasmano la materia traendo ispirazione dalla natura. La loro ricerca si focalizza sulla sperimentazione con pietre derivate da impasto lavico, dando forma all’essenza stessa del territorio vesuviano attraverso lapilli, pozzolane, sabbie, schiume e derivati pircoclastici. A queste pietre si sono aggiunte poi le fusioni in metallo, per la creazione di arredi di uso quotidiano o di sculture artistiche.
Nelle loro ultime sperimentazioni, i materiali tradizionali si intrecciano con strutture vegetali, derivate dall’essiccazione, taglio e modellazione di foglie e cortecce.

Rossignoli

Le biciclette Rossignoli esistono da oltre 100 anni e l’officina di Corso Garibaldi è tra i produttori e meccanici storici della città di Milano. È sempre stata un’attività a conduzione famigliare, arrivata oggi alla quarta generazione sotto la gestione di Renato, Giorgio e Giovanna, con l’aiuto dei figli Matteo e Mattia.
Oltre alla rivendita di altri marchi, l’officina produce biciclette su misura personalizzabili in ogni dettaglio, dal telaio alle gomme, con una vasta scelta colori. Tra le ultime creazioni di successo, il nuovo modello in acciaio “Garibaldi 71”, che prende il nome dalla sede storica e rivisita le linee retrò con sella e manopole in cuoio.
Forte è anche la collaborazione con le aziende, per le quali realizzano bici ad hoc, o le noleggiano per film, spot e servizi fotografici, sfilate e arredamento di interni. Tra i grandi marchi con cui hanno collaborato, anche Moncler e Tod’s.
Infine, Rossignoli mette a disposizione un servizio di noleggio bici per i turisti e per i milanesi, per permettere a tutti di scoprire questa bellissima città.